Automassaggio antirughe effetto lifting: come farlo

La cura del viso è fondamentale per apparire sempre con un look perfetto. Il proprio volto infatti rappresenta un vero e proprio biglietto da visita agli occhi degli altri. Con l’avanzare dell’età ovviamente aumentano le rughe e garantire una pelle sana è sempre più difficile. Tuttavia, esistono molti metodi che permettono di mantenere un volto giovanile e rilassato. Tra questi, va menzionato il massaggio facciale, una tecnica poco nota ma che negli ultimi anni si sta diffondendo sempre più. Si tratta di automassaggio facile da praticare e che comporta numerosi vantaggi per la propria pelle, che vanno dall’eliminazione delle tensioni fino alla stimolazione della produzione di collagene.

In seguito cercheremo di capire meglio in cosa consiste il massaggio facciale e come funziona. Prima però, vediamo in maniera approfondita quali sono i suoi vantaggi. 

I benefici dell’automassaggio antirughe 

Sebbene stia trovando solo negli ultimi tempi un’ampia diffusione, la nascita del massaggio facciale non è affatto recente. Le prime testimonianze della pratica risalgono infatti al III secolo a.C., quando in Cina iniziarono a diffondersi delle tecniche di massaggio volte a guarire alcune malattie ma anche a migliorare l’aspetto estetico. Presso gli antichi quindi era una pratica molto diffusa, dati i tanti benefici che essa era in grado di apportare. Ma quali sono nello specifico I vantaggi dell’automassaggio? 

Gli effetti positivi vanno rilevati in merito alla salute della pelle. Avendo infatti delle proprietà rilassanti e decongestionanti, questa pratica risulta essere un vero e proprio toccasana. Come già accennato, il massaggio facciale permette anche stimolare la produzione di collagene ed eliminare le tensioni. Inoltre, favorisce la micro-circolazione, il ringiovanimento e l’ossigenazione. Permette poi ottimizzare l’azione della skincare, favorendo una maggiore penetrazione. 

Infine, bisogna rilevare anche il vantaggio relativo al tono muscolare: se eseguito correttamente, il massaggio facciale consente di distendere le rughe, favorire il drenaggio linfatico e ridefinire l’ovale del volto

Come fare l’automassaggio antirughe 

Abbiamo visto quindi quali sono i principali benefici associati all’automassaggio facciale. Ora, invece, cerchiamo di capire come funziona questa pratica. Per ottenere tutti i benefici elencati, è opportuno eseguire il massaggio nel migliore dei modi. Il primo passaggio consiste nel picchiettare i muscoli del viso con i polpastrelli, in maniera tale da scaldarli per bene. L’esercizio va fatto almeno tre volte e deve essere eseguito dal basso verso l’alto. Dopodiché, bisogna stendere la crema formando dei piccoli cerchi iniziando dal centro del petto e proseguendo verso l’alto. Arrivati nella zona del collo, bisogna stendere bene la crema dal basso verso l’alto, partendo dalle clavicole fino al mento. 

Una volta arrivati sul volto, bisogna iniziare a fare dei piccoli cerchi sul mento e, da qui, proseguire lungo la mandibola fino alle orecchie. A questo punto, bisogna mettere l’indice e il medio nella parte esterna della bocca e stirare le rughe naso-labiali. In particolare, bisogna tirare verso l’esterno e verso l’alto. Al fine di ottenere un buon risultato, è bene agire sempre con delicatezza

Il prossimo passaggio riguarda la zona che parte dallo zigomo arriva alle tempie. In questa fase non bisogna fare altro che ripetere quanto fatto in precedenza. Per cui, è necessario effettuare per tre volte dei cerchi in senso orario e salire man mano. Ora, bisogna stirare la pelle mettendo le dita sulla parte inferiore del naso e salendo verso la parte superiore del volto, in prossimità dell’attaccatura dei capelli. 

Quando si arriva alla fronte, si può passare a stirare la pelle. Si parte quindi dalle sopracciglia e si arriva alle tempie, premendo e stirando la pelle. Una volta fatto questa operazione, il massaggio è concluso. Come si intuisce, non è affatto complicato, ma comunque è necessario fare attenzione ad ogni passaggio e procedere con la massima delicatezza. Ripetuto più volte, già dopo qualche giorno inizierà ad essere un’abitudine e risulterà ancora più semplice. 

Ti consigliamo anche