Beauty Routine dal passato: consigli e curiosità

Da che mondo è mondo c’è sempre stata una certa cura per la pelle e per il proprio corpo, in particolare per le donne. Per questo sono nati nel tempo infallibili rimedi, atti a mantenere la pelle sempre fresca ed idratata. Quei rimedi che un tempo costituivano la beauty routine quotidiana, sono andati perduti con il passare degli anni e l’intervento di nuove tecnologie, nuovi rimedi, nuovi prodotti. Tuttavia le antiche soluzioni per prendersi cura del proprio corpo non sono svanite del tutto, c’è chi le conserva gelosamente. Va detto infatti che alcune di quelle antiche pratiche stanno tornando in auge, dando vita a forti attività di recupero; questo perchè i risvolti benefici di alcuni trattamenti sono stati giudicati molto efficaci, specie per la loro riuscita, rispetto a prodotti più moderni. In questo articolo una serie di consigli e di curiosità sulla beauty routine che viene dal passato.

 

Beauty routine del passato:  leggende e benefici

La ricetta affonda le proprie radici nella leggenda, ma gli effetti benefici sembrano essere più che acclarati. Stando a quanto si racconta, la regina Maria Antonietta era solita prendersi cura del proprio corpo mediante un particolare bagno: nella vasca venivano versati due cucchiai colmi di foglie essiccate di timo selvatico, foglie essiccate di timo comune, maggiorana, foglie d’alloro schiacciate. A queste si aggiunge del sale marino e si versa tutto in pentola e si porta a ebollizione per 10 minuti. Infine, la miscela si aggiunge all’acqua del bagno. Sicuramente l’ebollizione favorisce la fuoriuscita di tutti gli aromi e gli effetti benefici derivanti da queste piante ferme allo stato naturale. Il trattamento prediletto dalla regina di Francia, è molto benefico per la pelle; non è molto dispendioso in termini di tempo e può essere preparato anche oggi. Maria Antonietta è l’artefice di un’altra ricetta, ma questa volta si tratta di una maschera. Si racconta che la regina usasse questa maschera e che ancora oggi, molte donne francesi facciano lo stesso. Gli ingredienti? cognac, 70 grammi di latte in polvere, un bianco d’uovo e il succo di un limone. Secondo gli esperti, il cognac si dimostra utile per il restringimento dei pori e lo stimolo alla circolazione, le uova agiscono sul tessuto cutaneo e l’acido l’attico scioglie il sebo. Infine, l’acido citrico del limone, aiuta la rimozione di cellule morte.

 

Olio faraonico

Se si parla di cosmesi di vecchia data, non si può non menzionare Cleopatra, simbolo di bellezza e nota ai più, anche per la grande quantità di oli ed essenze che possedeva. I balsami universali a base di olio d’oliva, propoli e miele, molto usati dalle regine africane del passato, hanno ispirato la cosmesi di oggi. Praticamente gli ingredienti fondamentali di quasi tutti i prodotti cosmetici in vendita oggi, sono ispirati alle combinazioni e alle ricette dei tempi della regina Cleopatra. Un esempio su tutti è rappresentato dalle essenze più naturali possibili, oggi molto in voga: olio di mandorle dolci, olio di sesamo e olio di lino. Questi prodotti sono molto importanti per l’elasticità e l’idratazione della pelle. Contengono un segreto che era noto già ai tempi dell’Antico Egitto.

 

Elisir di bellezza o di lunga vita?

Un’altra leggenda è quella che riguarda la principessa Isabella d’Ungheria, una nobile che, oramai settantaduenne ricevette da un alchimista un elisir fatto di acqua distillata al rosmarino e lavanda. Dopo averla utilizzata, Isabella riacquisto luminosità, salute e bellezza, finendo addirittura per essere chiesta in sposa dal duca Carlo Alberto di Lituania. Oggi sappiamo però, che non c’era nulla di magico nel composto e che, il segreto dell’elisir stava tutto nel rosmarino, una pianta “magica”, per i suoi effetti benefici, che favorisce la formazione di nuovi strati cellulari della pelle. Oggi infatti, i prodotti a base di rosmarino sono utilizzati nella cura della pelle del volto, quando questo è segnato dagli effetti dell’acne.

 

Ti consigliamo anche