Cura dei capelli: i benefici dell’acqua di riso

La cura dei capelli con l’acqua di riso è un metodo tutt’altro che recente, ma che affonda le sue radici a tanti secoli fa, giacché era utilizzata dalle donne dell’antica Cina e del Giappone. Tuttavia, questa pratica è tornata alla ribalta di recente, soprattutto grazie al social Tik Tok. I motivi di questa nuova diffusione della cura dei capelli tramite l’acqua di riso sono dovuti ai tanti benefici che questa tecnica è in grado di apportare. Dalla capacità di fornire una maggiore luminosità ai capelli fino a favorirne la crescita, i vantaggi della sua applicazione sono svariati. In seguito, cercheremo di capire da dove nasce questa pratica, quali sono nello specifico i suoi benefici e, infine, vedremo anche come preparare l’acqua di riso in casa. 

Storia del risciacquo dei capelli con l’acqua di riso 

Come dicevamo, quella di utilizzare l’acqua di riso per i propri capelli è una tecnica molto antica. Le prime testimonianze rimandano al periodo Heian, tra il VIII e il XII sec., quando le donne giapponese erano solite risciacquare i loro capelli con l’acqua di riso (Yu-Su-Ru). Si tratta di un metodo che si è diffuso anche in Cina, dove ancora oggi nel Guagxi, le donne Yao di Huang Luo impiegano questo metodo.
Come si sia diffuso negli ultimi anni nel mondo occidentale il metodo dell’acqua di riso non è semplice affermarlo. Certamente, un propulsore della sua diffusione è stato il social TikTok, sul quale tantissime giovani influencer hanno pubblicato video dove mettevano in evidenza i benefici di questa pratica. Ma quali sono i principali vantaggi derivanti dal risciacquo  dei capelli con l’acqua di riso? Scopriamoli insieme. 

Benefici della pratica

I benefici del risciacquo dei capelli con l’acqua di riso derivano dalle tante proprietà contenute in essa. Infatti, risulta essere ricca di antiossidanti, vitamine, minerali e aminoacidi. L’insieme di tali proprietà consente di ottenere dei capelli forti e sani. Addirittura, molti ritengono che la sua applicazione porti a capelli più lunghi. 

A supportare i tanti benefici ci sono anche diversi studi scientifici, come quello effettuato nel 2010 dalla Society of cosmetic Scientist and the Société Française de Cosmetologié, la quale ha stabilito che l’acqua di riso permette non solo di incrementare l’elasticità dei capelli, ma consente anche di ridurre l’effetto crespo. Ulteriori studi si sono concentrati invece sull’inositolo contenuto nell’acqua di riso. Si tratta di un composito di origine biologica simile al glucosio, il quale consente di rafforzare i capelli. 

Infine, è da rilevare lo studio pubblicato sull’International Journal of Cosmetic Science, il quale ha stabilito che i benefici riguardano soprattutto coloro che hanno i capelli ricci. Essendo questi ultimi maggiormente soggetti ad una minore elasticità, attraverso l’acqua di riso sarà possibile reidratare i capelli e fornire loro un aspetto migliore. In generale, quindi, l’acqua di riso permette di velocizzare la crescita dei capelli, facilitarne la pettinabilità e proteggerli da possibili danni delle spazzole. 

Al tempo stesso, però, bisogna anche sottolineare che nel riso sono contenute grandi quantità di amido, le quali possono portare ad alcune conseguenze. In particolare, dato l’ampia quantità di proteine che si trasferiscono nei capelli, si rischia di aumentare la loro secchezza o di farli spezzare. Pertanto, il metodo dovrebbe essere evitato da coloro che hanno capelli sottili e a bassa porosità.

Come preparare l’acqua di riso per capelli in casa

Appurati i tanti vantaggi derivanti dal risciacquo con l’acqua di riso, vediamo ora come prepararla in casa. Il procedimento non è affatto complicato. Innanzitutto, bisogna conservare l’acqua di cottura del riso all’interno di un barattolo per circa 48. Quando il liquido assume un colore bianco e un odore pungente, significa che ha raggiunto la fermentazione ottimale.

In realtà, esiste anche un ulteriore metodo di preparazione, che prevede la messa in ammollo del riso crudo nell’acqua per 20 minuti, al termine dei quali si potrà ottenere il composto da utilizzare per il trattamento. Si può anche decidere di miscelarlo con lo shampoo con un paio di cucchiaini. Dopo aver miscelato, bisogna poi massaggiare la cute e, solo dopo aver risciacquato tutto con l’acqua fredda, applicare il balsamo e la maschera.

Ti consigliamo anche